I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul Portale.

Ultime News

In attesa dell’approvazione del decreto su ‘Quota 100’, stabilito per giovedì 17 gennaio 2019, Cedan dà precise indicazioni. Vuoi andare in pensione con “Quota 100”? Chiedi una consulenza personalizzata al centro Cedan più vicino a te.

Di seguito le modalità:

  • “Quota 100” è un trattamento di pensione anticipata che richiede il requisito di almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi (in via sperimentale per il triennio 2019/2021);
  • tutti gli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria gestita da Inps possono conseguire il diritto alla pensione anticipata;
  • è possibile il cumulo tra due o più gestioni previdenziali;
  • gli iscritti alle gestioni pensionistiche, di cui al comma 1 che maturano i requisiti entro il 31 dicembre 2018, conseguono il diritto alla decorrenza della pensione dal 1° aprile 2019;
  • chi matura i requisiti al 1° maggio 2019 consegue il diritto alla pensione tre mesi dopo la data di maturazione del requisito;
  • per la Pubblica Amministrazione dovranno presentare all’Amministrazione di appartenenza la domanda di collocamento al riposo con un preavviso di sei mesi;
  • per il personale del comparto scuola ed AFAM si applicano le disposizioni dell’art. 59 comma 9 della Legge n. 27 dicembre 1997 n. 449.

Tale articolo recita “per il personale del comparto scuola resta fermo, ai fini dell’accesso al trattamento pensionistico, che la cessazione dal servizio ha effetto dalla data d’ inizio dell’anno scolastico accademico, con decorrenza dalla stessa data del relativo trattamento economico nel caso di prevista maturazione del requisito entro il 31 dicembre dell’anno”.

La platea potenziale per ‘Quota 100’, secondo dati non ufficiali del Miur, potrebbe essere rappresentata da circa 70 mila persone, tra personale docenti e Ata. Si attendono chiarimenti anche per il pensionamento dei dirigenti scolastici, in quanto per loro la richiesta di quiescenza è aperta fino al 28 febbraio 2019. Si fa presente che si attendono indicazioni più precise per individuare le possibili penalizzazioni sull’assegno della pensione (taglio che parte dal 5% fino ad arrivare al 30% nel caso di un anticipo di quattro anni). Per il personale della Pubblica Amministrazione, l’indennità di fine servizio (TFS) sarà corrisposto nel momento in cui il soggetto avrà maturato il diritto di pensionamento al raggiungimento del requisito anagrafico o contributivo, così come dalle normative vigenti.

Vuoi andare in pensione con “Quota 100”? Chiedi una consulenza personalizzata al centro Cedan più vicino a te.