I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul Portale.

Ultime News

Le spese sostenute per il pagamento del canone di locazione, di un’abitazione adibita a prima casa, danno diritto a una detrazione. Questa viene riconosciuta e graduata in relazione all’ammontare del reddito complessivo e alla tipologia di affitto e di contribuente. Le casistiche sono cinque e variano in funzione dei soggetti che la richiedono

Per gli alloggi locati per inquilini a basso reddito con contratti stipulati o rinnovati è prevista la seguente detrazione ai fini Irpef:

-300 euro, se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro;

-150 euro, se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 euro e non superiore a 30.987,41 euro.

Per i contratti a canone concordato:

-495,80 euro se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro;

-247,90 euro se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 e non superiore a 30.987,41 euro.

-Nessuna detrazione se il reddito è superiore a 30.987,41

Sono previste altresì delle detrazioni, per i primi 3 anni, anche a favore di quei contribuenti che trasferiscono la propria residenza per motivi di lavoro, a condizione che il nuovo comune sia ad almeno 100 Km di distanza dal precedente e che non siano già trascorsi 3 anni dalla variazione. Le detrazioni che spettano sono le seguenti:

-991,60 euro se il reddito complessivo non supera i 15.493,71 euro;

-495,80 euro se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 euro e non superiore a 30.987,41 euro.

Si precisa che tale detrazione è solo in favore di quei contribuenti che stipulano o hanno stipulato un contratto da lavoro dipendente, e che tale detrazione viene persa per gli anni successivi se il rapporto di lavoro è cessato.

Per gli studenti fuori sede i canoni di locazione a loro favore è prevista una detrazione pari al 19% su un ammontare complessivo non superiore a 2.633,00 euro. Può beneficiarne sia lo studente che il familiare di cui lo stesso risulta fiscalmente a carico. A condizione che:

-l'università si trovi in un comune distante almeno 100 Km da quello di residenza, o comunque, in una provincia diversa da quella in cui lo studente è residente;

-il contratto di locazione sia stipulato, o rinnovato, a canone "convenzionale", ai sensi della legge 9 dicembre 1998, n. 431.

In fine, in favore dei giovani dai 20 ai 30 anni è prevista una detrazione pari a 991,60 euro. Questa detrazione spetta per i primi 3 anni, se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro.

Possono usufruirne tutti i giovani che rientrano nella fascia di età sopra indicata a condizione che l’immobile in questione sia diverso dall'abitazione principale dei genitori del giovane intestatario del contratto. Si precisa che il requisito dell'età è soddisfatto anche qualora ricorra per una parte del periodo d'imposta in cui si intende fruire della detrazione.

Per informazioni, contatta la sede Cedan S.r.l.s piu vicina a te e visita il nostro sito www.cedan.it. Contatta i seguenti recapiti telefonici Caf (3459971504) e Patronato (3938803469).